Go to Top

Art. 111 – Ordine di distribuzione delle somme

Le somme ricavate dalla liquidazione dell’attivo sono erogate nel seguente ordine:
1) per il pagamento dei crediti prededucibili; (1)
2) per il pagamento dei crediti ammessi con prelazione sulle cose vendute secondo l’ordine assegnato dalla legge;
3) per il pagamento dei creditori chirografari, in proporzione dell’ammontare del credito per cui ciascuno di essi fu ammesso, compresi i creditori indicati al n. 2, qualora non sia stata ancora realizzata la garanzia, ovvero per la parte per cui rimasero non soddisfatti da questa.
Sono considerati crediti (2) prededucibili quelli così qualificati da una specifica disposizione di legge, e quelli sorti in occasione o in funzione delle procedure concorsuali di cui alla presente legge; tali debiti sono soddisfatti con preferenza ai sensi del primo comma n. 1). (3)

Note:
(1) Numero sostituito dall’art. 99, comma 1, lett. a), DLgs. 9.1.2006 n. 5, in vigore dal 16.7.2006.
Testo precedente: “per il pagamento delle spese, comprese le spese anticipate dall’erario, e dei debiti contratti per l’amministrazione del fallimento e per la continuazione dell’esercizio dell’impresa, se questo è stato autorizzato;”.
(2) La parola “crediti” è stata sostituita alla precedente “debiti” dall’art. 8, comma 2, DLgs. 12.9.2007 n. 169, in vigore dal 1.1.2008. Ai sensi del successivo art. 22, comma 2, la disposizione si applica ai procedimenti per dichiarazione di fallimento pendenti alla data del 1.1.2008, nonché alle procedure concorsuali e di concordato fallimentare aperte successivamente a tale data.
(3) Comma sostituito dall’art. 99, comma 1, lett. b), DLgs. 9.1.2006 n. 5, in vigore dal 16.7.2006.
Testo precedente: “I prelevamenti indicati al n. 1 sono determinati con decreto dal giudice delegato.”.

Prassi/Giurisprudenza
Art. 111 - Ordine di distribuzione delle somme

Presentazione del ricorso per concordato preventivo e per la domanda di transazione fiscale - Natura del credito maturato dal

professionista per l’attività svolta - Amministrazione controllata (Cass. 8.4.2013 n. 8533 e 8534)
Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *